• Stampa pagina
  • Versione alto contrasto
  • Versione standard

Percorso

Homepage  -  Eventi al Mercalli  - dal Ciclo al Riciclo...

Offerta Formativa



Trasparenza ed Accessibilit




 
 


dal Ciclo al Riciclo...


IL MERCALLI IN FINALE NAZIONALE SULLA SOSTENIBILITA' AMBIENTALE: RIUSO E RICICLO.
 
La giuria nazionale del Settore Scuola della Settimana Europea della Riduzione dei Rifiuti 2017 (dal tema "Diamo una seconda vita agli oggetti") ha comunicato che, su oltre 100 azioni proposte da scuole in tutta Italia, la nostra azione "Buste-cestino: riuso e riciclo" è stata selezionata tra le tre finaliste.
Una delegazione di alunni del Mercalli parteciperà alla premiazione nazionale che avverrà a Catania il 13 aprile 2018.
Fino ad allora teniamo le dita incrociate, ma è già una grande soddisfazione che la nostra semplice idea sia stata ritenuta tra le più valide in Italia!
Complimenti agli alunni, ai docenti e ai collaboratori scolastici che si stanno impegnando in questo progetto che sta andando ben oltre i confini della settimana della SERR!
Chissà forse è stato questo feedback e video realizzato dai ragazzi a convincere la giuria ;-) ....
 
 
 
Rassegna stampa sui vincitori SERR2017:
 
 
La SERR parla di noi:
 
 
 
--------------------
Ciao! Siamo i ragazzi del Liceo Mercalli di Napoli e vi raccontiamo come è andato il progetto "riciclo+riuso: le buste-cestino" con cui abbiamo partecipato alla Settimana Europea della Riduzione dei rifiuti 2017.
 
1. Ci ha insegnato che RIUSARE è MEGLIO che BUTTARE e viene prima che RICICLARE. 
 
Con le buste-cestino abbiamo reso la nostra RACCOLTA DIFFERENZIATA ancora più SOSTENIBILE nella scala della sostenibilità.
 
Infatti con un semplice gesto abbiamo "allungato la vita" alle buste di plastica (quelle non-biodegradabili), RIUSANDOLE come cestini di classe per la differenziata. 
 
Infatti ora, tornando dai negozi, invece di buttare le buste nel contenitore della plastica, le mettiamo da parte e le portiamo a scuola nella "banca del riuso", dove ciascuna classe può prenderle quando diventano davvero troppo sporche per riusarle ancora. 
 
Sporche direte voi? Sì, perché in questa occasione...
 
2. Ci siamo documentati meglio e abbiamo "scoperto" che CIAL e COREPLA, i Consorzi nazionali del riciclo di alluminio, metalli e plastica, hanno lanciato una nuova campagna comunicativa "anche SPORCHI purché VUOTI". 
 
E quindi abbiamo imparato che è più SOSTENIBILE buttare nella plastica il bicchiere sporco di cioccolata purché ben svuotato (ehm... su questo facciamo ancora un po' di pasticci.. ma ci stiamo lavorando su :-) ) invece di 
 
a. lavarlo -> sprecando acqua inutilmente visto che gli impianti di riciclo hanno una fase di lavaggio iniziale dei materiali
 
b. buttarlo nell'indifferenziato solo perché sporco -> in quel caso la plastica non verrà riciclata.
 
 
3. Abbiamo capito che usare una busta-cestino di CARTA per la raccolta differenziata della carta, ci aiuta visivamente a mettere dentro il materiale giusto.
 
 
4. Siamo stati i primi studenti, crediamo, a creare delle etichette semplificate per le le tipologie di rifiuti scolastici da plastica e metalli, contribuendo anche a diffondere la campagna "anche sporchi purché vuoti". Ci siamo messi alla prova col pc e l'etichetta più carina (quella di Italo) l'abbiamo mandata all'azienda di igiene urbana di Napoli  AsiaNapoli che ce ne ha stampate tante e ora le usiamo per non dimenticarci cosa ci va in quel cestino, anzi... speriamo che le useranno anche altre scuole!
 
 
5. Ci siamo accorti che il vecchio cestino a terra contiene sempre meno rifiuti, insomma l'indifferenziato si è ridotto quasi a zero (quando non facciamo pasticci!), i collaboratori scolastici sono (abbastanza...)  fieri di noi e il non-riciclabile sta scomparendo dalla nostra scuola.
 
Insomma...
 
...GRAZIE SERR!!
-----------------------

20-24/11/2017: Tra riciclo e riuso: le Buste-Cestino per la raccolta differenziata di classe

L'azione unisce riduzione, riuso e riciclo.

E’ stata creata una "banca del riuso" dove ciascuno si senta attore di tale gesto sostenibile che ci chiede l'Europa: riusare invece di buttare e ancor prima di riciclare. Per ora la nostra banca del riuso sarà dedicata esclusivamente a quelle che abbiamo chiamato le "buste-cestino": le due banche del riuso presenti in centrale e in succursale sono scatoli di cartone, anch'esso riusato, e sono segnalate da apposita targhetta.

Tutta la comunità scolastica può riempirle con buste di plastica non-biodegradabili che verranno poi riusate per la "raccolta differenziata di classe di carta e plastica-metalli".

Abbiamo scelto come oggetto le buste di plastica non-biodegradabile, le quali purtroppo sono ancora in uso nei negozi (tranne i supermercati dove sono vietate), non solo perché esse sono resistenti e quindi adatte a diventare "contenitore-cestino", ma anche perché non essendo biodegradabili non potrebbero essere "riusate" ad esempio per la nostra "spazzatura", ossia per contenere i rifiuti indifferenziati e organici, quindi dopo l'uso esse andrebbero riciclate conferendole nella raccolta differenziata della plastica. Invece è più sostenibile il loro riuso come cestini e su questo appunto si concentrerà la nostra riflessione:

riusare prima di ancora di riciclare.

Tale iniziativa di riuso però a sua volta potenzia anche la stessa raccolta differenziata della scuola, ossia il riciclo di carta, plastica e metalli, rendendola più sostenibile proprio grazie al riuso e alla “riduzione” dei rifiuti: infatti un cestino appositamente prodotto per la raccolta differenziata di classe sarebbe stato meno sostenibile non solo economicamente ma anche ecologicamente, poiché un giorno sarebbe diventato esso stesso rifiuto da smaltire.

Nelle aule compaiono quindi le “buste-cestino” con le etichette colorate: le etichette della carta sono fornite da Asia Napoli, mentre quelle gialle per la plastica e le lattine sono state ideate dai due alunni Italo Pedone IV H e Davide Ferraro I E, che le hanno caratterizzate con l'elenco dei soli rifiuti presenti in ambito scolastico e sono state appositamente prodotte per noi da Asia Napoli.

Ci auguriamo che il nostro sistema diventi un “modello” anche per altre scuole.

E’ un impegno delle singole classi occuparsi responsabilmente dei propri cestini, usandoli correttamente e svuotandoli periodicamente nei contenitori al piano che poi saranno svuotati nei nuovi contenitori più grandi fornitici da Asia Napoli.

Infine non poteva mancare uno stimolo ad una sana competizione in tema di sostenibilità e di responsabilità: sul modello dei "Comuni Virtuosi" a fine anno sarà premiata la classe "riciclona": una o più classi saranno scelte ad esclusivo e insindacabile giudizio dei collaboratori scolastici tra quelle che durante l'anno lasceranno la propria aula più pulita e senza rifiuti non-differenziati.

http://www.ewwr.eu/actions/project_archive_new/le-buste-cestino-un-riuso-differenziato

https://www.liceomercalli.edu.it/news/differenziamoci-settimana-europea85.html#.Wg_XC5_cnqB

Il SERR:
http://www.ewwr.eu/actions/project_archive_new/le-buste-cestino-un-riuso-differenziato

I feedback:
https://www.facebook.com/story.php?story_fbid=945535082270817&id=616327788524883.